Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Curriculum

10 consigli per scrivere un CV impressionante

21 gennaio 2019

A meno che non richiedano di compilare un form online, la maggior parte dei recruiter riceve una quantità di CV infinita. Un selezionatore dedica mediamente 10/15 secondi alla lettura di un Curriculum Vitae. E’ evidente, quindi, l’importanza di avere un CV che faccia impressione… … una buona impressione!

Ecco 10 buoni consigli per aiutarti a superare il primo screening e arrivare al colloquio.

  1. Il tuo CV deve essere breve.

Visto il tempo davvero esiguo che i selezionatori impiegano per leggere il Curriculum e stabilire se un profilo è valido o meno, è fondamentale scrivere l’essenziale, utilizzando anche i cosiddetti bullet point (l’elenco numerato o puntato) per mettere in evidenza qualità e/o risultati ottenuti nelle esperienze passate. Ricordati che il tuo obiettivo, in questa fase, è catturare l’attenzione di chi sta leggendo il tuo CV. Rimanda ulteriori spiegazioni dettagliate ad un eventuale colloquio!

  1. Fai riferimento all’annuncio di lavoro.

Quando rispondi ad un annuncio di lavoro, adatta il tuo CV a quell’annuncio, non limitarti ad inviare un curriculum standard. Leggi bene il testo dell’annuncio, fai attenzione ai requisiti del candidato e, se necessario, studiati attentamente il sito dell’azienda. In questa maniera ti sarà più chiaro quali tue competenze e/o esperienze sottolineare per avere più chance di essere scelto per quella specifica posizione.

  1. Ricordati di inserire i tuoi dati di contatto.

Controlla sempre di aver inserito correttamente i tuoi dati per farti contattare dall’azienda. E questo non significa solo includere numero di telefono, email e contatto skype. Se abiti nella frazione di un comune, specifica sempre anche la provincia. Ti sembrerà scontato ma stai certo che tantissimi si dimenticano di farlo. E i recruiter non sono tenuti a sapere dove si trova il tuo paesino. E nei 10 secondi che impiegano per stabilire se vai bene per quel lavoro o meno, magari considerano anche dove abiti.

  1. Non lasciare vuoti tra le tue esperienze.

Se tra un’esperienza e l’altra hai un “buco” di mesi o anni, cerca il può possibile di fornire una spiegazione. Se ti sei preso del tempo per viaggiare, per fare una pausa, per crescere i tuoi figli, specificalo nel tuo CV e se in quel periodo ne hai approfittato per frequentare corsi di formazione, fare volontariato, ecc. anche questo è un’ottima informazione da inserire.

  1. Aggiorna il tuo profilo.

Chi legge il tuo CV in 10/15 secondi scorre gli occhi velocemente per cercare la tua ultima esperienza. Assicurati quindi di tenerlo sempre aggiornato e, come scritto sopra, se hai ottenuto delle qualifiche professionali o imparato nuove skills, metti questi dettagli ben in evidenza.

  1. Rileggi il tuo curriculum.

Prima di inviare il tuo CV, leggilo e rileggilo attentamente, magari in momenti diversi, facendo attenzione ad eventuali errori di grammatica e/o battitura. Un CV senza errori di per sé non salta all’occhio se non per le esperienze in esso contenuto. Ma stai sicuro che un cv con errori di battitura o peggio ancora grammaticali ti farà sicuramente scartare, perché è simbolo di scarsa attenzione e cura del proprio lavoro.

  1. Non mentire!

Non a caso si dice che le bugie hanno le gambe corte! Ricordati che il mondo del lavoro è più piccolo di quello che si potrebbe pensare, perciò ti conviene non mentire sulle tue esperienze passate o non esagerare le tue competenze, per non creare false aspettative nel tuo futuro datore di lavoro! Soprattutto se avrai un periodo di prova prima di essere assunto, ti conviene raccontarla giusta se non vuoi essere mandato via prima del tempo!

  1. Dettagli! Dettagli! Dettagli!

E’ vero, abbiamo detto all’inizio dell’articolo di evitare le informazioni inutili. Ma è fondamentale fornire tutti i dettagli delle tue esperienze precedenti: titolo, azienda, luogo di lavoro, date di inizio e fine. Scrivi anche due righe di descrizione dell’attività dell’azienda e del tuo ruolo. Se puoi, fornisci numeri e/o statistiche per spiegare i risultati che hai ottenuto e organizzali in elenchi puntati.

  1. Keep it simple!

Mettiti sempre nei panni di chi legge: un testo ben spaziato, con titoli in evidenza, frasi brevi, elenchi puntati facilita la lettura. Anche lo stile deve essere il più semplice possibile per non affatticare la vista e offuscare la comprensione del testo: usa font semplici ed evita di utilizzare colori diversi.

  1. Attenzione alle keyword!

Le keyword o parole chiave sono fondamentali nello stilare un CV, sia che questo venga letto (nei famosi 10 secondi!) da un occhio umano sia che venga sottoposto allo screening di un software! Fai bene attenzione alle parole utilizzate nell’annuncio e magari cerca altri annunci per quello stesso ruolo e/o settore per capire quali sono le parole più utilizzate.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *