Professioni

Allevatore di lumache: chi va piano va sano e lontano

9 ottobre 2018

Sembra incredibile ma il mercato delle lumache cresce molto velocemente. Le nostre bavose amiche sono sempre più richieste nel settore del beauty e della ristorazione.

Avere un giardino e un po’ di tempo non e mai stato cosi redditizio.

In Italia l’importazione del “prodotto” arriva al 40%,pensate che i principali esportatori esteri, Grecia e Turchia, non riescono a far fronte alla crescente esigenza del mercato, a causa di tempistiche “naturali”. Considerando che annualmente vengono consumate circa 40.000 tonnellate di lumache, é facile non ritenere del tutto fuori di testa i pazienti lavoratori di cui parliamo oggi. Con sole 18 ore alla settimana potrete realizzare il vostro piccolo allevamento lumache e guadagnarci sul serio.

Quanto ci guadagno e a chi le vendo ?

Il prezzo di un chilo di lumache va dai 2 ai 4,90 euro, in base alla specie. Ristoranti e feste paesane saranno i vostri migliori clienti, le ricette a base di chiocciole sono molto apprezzate. Nonne che durante le sagre vogliono ricordare i tempi che furono e far assaggiare le lumache ai nipotini, ristoranti d’elite, ma anche salutisti convinti, ecco chi farà girare il vostro business. Allestire uno stand durante una fiera paesana può essere un’ottimo modo di farsi pubblicità, senza dimenticare il passaparola del vostro vicino Francese.

In media un coltivatore in un’anno, ovvero il tempo necessario per la crescita delle bestiole, guadagna almeno il doppio dell’investimento iniziale.

Non ho capito il collegamento tra salute e lumache…
Le lumache sono molto nutrienti. Contengono solo il 2% di grasso, completamente prive di colesterolo, sono un’ottima fonte di proteine, vitamine e sali minerali. Fanno bene allo stomaco e aiutano il sistema immunitario. Ricordate di dirlo ai vostri futuri clienti titubanti.

Allevarle fa tanto schifo? Cosa devo fare?

Allevare questi viscidi animaletti non è difficile.

Basta avere:
1. Del terreno non troppo acido, il giardino di casa vostra andrà benissimo.
2. Il giusto equilibrio tra luce ed ombra, quel pino sembra perfetto.
3. Temperature non superiori ai 30 gradi, evitiamo di metterle sotto il calorifero d’inverno.
4. La cosa più importante è che il posto sia umido a sufficienza, ecco perché i professionisti costruiscono piccolo serre (con semplici teli di plastica talvolta).
5. Semi di piante per permettere alle vostre amiche di farsi una passeggiata su verdi foglioline.
6. Sofisticate attrezzature da giardiniere, come bagnafiori e paletta.
7. Una cassa di legno e un bel sorriso per la vendita, con una gran dose di coraggio se incontrate qualche vecchio compagno di scuola. Gli allevatori le nutrono con verdure fresche e si assicurano che non manchi mai acqua. Suona strano ma ricordatevi che anche loro mangiano e bevono ogni tanto.

Le dividono solitamente in 2 categorie: da riproduzione e all’ingrasso.

State tranquilli una “cucciolata” di lumachine arriva fino a 30 esemplari. Se ne perdete una tra le foglie non succede niente. Qui potete trovare indicazioni sui diversi metodi di allevamento:  www.istitutodielicicoltura.com e www.lumacamadonita.it .

Si passa poi alla raccolta manuale, che avviene con molta delicatezza, devono essere leggermente vive quando le vendete. Una cassa di legno è necessaria per il trasporto e per permettere all’umidità di evaporare. C’è infatti un periodo di “spurgo”, della durata di 10 giorni, in cui le lumache si purificano di scorie e residui.

La pazienza è fondamentale

ma averne abbastanza conviene, i concorrenti per quanto sembri strano non mancano! I raccoglitori liberi, solitamente accaniti vecchietti in pensione, possono essere temibili avversari.Considerate quindi che questi piccoli animali, con i loro tempi, potrebbero fare al caso vostro e diventare un lavoro alternativo.

Perché allevare polli quando le lumache sono cosi silenziose e discrete?

Nessun verso strano, niente odori campestri o inconvenienti, basta un pezzo di giardino un po’ più verde e il gioco è fatto.
Prendetevi il vostro tempo per pensare, loro aspettano.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *