Cercare lavoro

Best Stage 2018

8 novembre 2018

Trovare uno stage una volta finita l’università può sembrare un’impresa difficile, sappiamo come ti senti, spaesato, perso tra milioni di annunci, senza le idee chiare.

Ora che non devi studiare e sei libero, hai più tempo, ti guardi attorno, c’è il sole, gli uccellini cantano e poi, piano piano, inizia a salirti il panico:

Adesso cosa faccio?

L’obiettivo è trovare un lavoro ma spesso per poterci arrivare serve un passaggio intermedio: lo stage. Quasi tutte le aziende richiedono un periodo di tirocinio prima di assumerti, anche se ti sei laureato con 110 e sei un genio. Questo passaggio di solito non è molto vantaggioso a livello economico, per te ovviamente perché per i datori di lavoro è l’esatto contrario.

Ci sono però delle eccezioni, rare ma ci sono, in aziende disposte a retribuirvi con un giusto compenso, sempre che voi non facciate disastri.

A cosa serve lo stage?

Lavorerete, praticamente gratis, per tutto il giorno e farete le cose che non fa nessuno.

A parte gli scherzi e i casi estremi, non è del tutto vero. Lo stage serve principalmente a voi per fare esperienza, conoscere il settore, avere delle referenze e capire se il lavoro che avete scelto fa davvero per voi. E’ un importante momento per mettersi alla prova, per conoscere se stessi ed avere un primo contatto con il mondo del lavoro, con i suoi ritmi e le sue esigenze.

All’azienda, invece, proporre degli stage conviene per valutare ogni candidato e capire se investire nel suo futuro, mostrandogli la realtà lavorativa e insegnandogli le basi del mestiere.

E’ un po’ difficile scegliere a occhi chiusi un futuro collaboratore, soprattutto se non ha esperienza, anche se si presenta con ottimi voti. E’ importante capire se siete davvero le persone più adatte per quel tipo di lavoro.

Per iniziare vi segnaliamo le migliori offerte di tirocini per il 2018 fatte dalla Repubblica degli Stagisti, che ogni anno premia le imprese che si mostrano più generose e attente ai giovani. Scopri quali sono!

Best Stage 2018

Tra le aziende particolarmente attente a tutelare i giovani e il loro futuro ci sono Everis e Nike Group che si sono distinte per il rimborso spese. La prima azienda per uno stage offre un rimborso mensile di 1000 euro al mese più i buoni pasto, del valore di 5,29 euro e notebook aziendale. Nike Group invece offre ai suoi stagisti 1000 euro lordi al mese.

Spesso il problema è che, una volta finito lo stage, si viene liquidati con un ‘ti faremo sapere’ e le possibilità di rimanere a lavorare nell’azienda svaniscono nel nulla.

Ma niente paura, anche per la categoria dell’assunzione dopo lo stage ci sono un bel po’ di aziende che si sono portate a casa un ottimo risultato. E’ il caso di BIP, Cefriel, Everis, EY, Medtronic, Mercer, Prometeia e Tetra Pak, che hanno assunto oltre il 90% degli stagisti ospitati nel 2017 con un contratto di almeno 12 mesi.

Assunti senza stage

Strano ma vero esistono anche aziende che assumono giovani laureati e non senza passare per lo stage.

A pari merito abbiamo EY e Flixbus. La prima, per esempio, ha assunto 628 ragazzi di cui 351 con un contratto di apprendistato e 170 a tempo indeterminato. Diciamo che nel caso in cui le mansioni siano fattibili anche senza avere molta esperienza, occasioni come queste non vanno sprecate, sempre che il lavoro proposto corrisponda ai vostri desideri.

Provare non costa nulla, potrà capitare che dopo uno stage non vi richiamino o che non abbiate trovato il posto giusto per voi, siate coraggiosi e cercate un altro stage per scoprire nuove occasioni e trovare il lavoro perfetto.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *