Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Cercare lavoro

Voglio cambiare lavoro, da dove inzio? Cinque consigli utili per ricominciare

29 marzo 2019

Voglio cambiare lavoro, non ce la faccio più! Quante volte l’hai pensato?

 

In tutti, almeno una volta nella vita, si è fatto forte il desiderio di rinnovare la propria vita professionale. E no, non parliamo di cambiamenti radicali come “mi trasferisco in Costa Rica ed apro un chiringuito”, spesso ipotetici perché poco fattibili, ma di veri e propri percorsi alla ricerca di sé stessi.

Al di fuori di questi exploit in cui si fa forte la voglia di cambiare lavoro e vita, nella realtà dei fatti, solo l’11% degli italiani pensa ad un’evoluzione positiva della propria carriera. Complice la situazione economica nazionale non proprio rosea, ma comunque in risalita, e complice anche la paura di cambiare lavoro (come si suol dire, si sa quel che si lascia ma non quel che si trova), spesso ci si accontenta e fossilizza su quello che si ha. Ingiustamente, aggiungeremmo.

Prima di vedere come ricominciare una carriera da zero, però, vediamo insieme quali sono i segnali che ti dovrebbero far capire che è giunta l’ora di cambiare lavoro.

I segnali che ti avvisano che è giunto il momento di cambiare lavoro

Il semplice malcontento momentaneo non è un segnale così forte a cui prestare attenzione. Quando si inizia ad essere insoddisfatti in maniera continuativa, invece, potrebbe essere giunto il momento di farsi un esame di coscienza e considerare diversi fattori. Vediamoli insieme di seguito.

 

1. Fai fatica ad andare al lavoro e non vedi l’ora di uscire

Se la mattina manca la voglia di alzarsi dal letto per andare in ufficio e, una volta giunto a destinazione, continui a guardare l’orologio sperando che siano già le 18.30… Beh, questo è il primo importante segnale che dovresti cambiare lavoro.

Può capitare una giornata storta, anche più di una volendo, ma quando l’insoddisfazione diventa continuativa è necessario intervenire in qualche modo. Se poi questo disagio aumenta nel tempo, e si tramuta in forte ansia o attacchi di panico, devi assolutamente pensare ad una strategia per cambiare lavoro.

 

2. Lavori in maniera meccanica, senza entusiasmo e senza imparare nulla

Amare il proprio lavoro significa metterci entusiasmo ed accedere ad una formazione continuativa utile a produrre risultati sempre migliori. Se tu stesso non hai stimoli ed input o peggio, se l’azienda presso la quale lavori non ti mette nella condizione di imparare concetti nuovi, con il tempo potresti annoiarti e vivere una profonda insoddisfazione.

Se la curva dell’apprendimento risulta essere più piatta di una tavola da surf, ecco che abbiamo il secondo segnale per capire che è giunta l’ora di cambiare lavoro.

 

3. Operi in un contesto poco stimolante alla crescita

Se lavori in un ambiente poco favorevole alla tua crescita è normale che, con il tempo, possa venire a mancare qualsiasi tipo di entusiasmo. Quando i colleghi sono lamentosi e parlano male di tutti, quando il capo non si comporta da leader ma da dittatore, quando non c’è nemmeno un “grazie” o una gratifica, cambiare lavoro è un favore che devi a te stesso.

 

Come cambiare lavoro: cinque consigli utili per ricominciare da zero

Il primo consiglio che ti possiamo dare è quello di non avere paura di cambiare lavoro. Al giorno d’oggi, il mercato è cambiato e non esiste (quasi) più il concetto di legarsi ad una singola azienda durante tutto il percorso professionale.

Il buon vecchio “tempo indeterminato” si è modificato e, non tanto come tipologia contrattuale, ma dal lato del professionista stesso.

Una volta effettuata questa dovuta premessa, ecco di seguito alcuni consigli per cambiare vita professionale.

 

1. Che lavoro vuoi fare da “grande”?

Tutto parte da una grande domanda:

ti piace quello che fai o non hai ancora capito che lavoro fare?

Questo è il primo dubbio che dovresti dissipare, onde evitare di ritrovarti a fare la stessa medesima mansione attuale con poca soddisfazione.

Fai una prima analisi e cerca di capire se davvero il tuo lavoro ti soddisfa. Diversamente, comprendi quali sono le tue passioni e come monetizzarle (ovvero trasformarle in un lavoro).

 

Se desideri cambiare lavoro, non perderti i corsi di formazione di Talent Manager!

 

2. Dai una sistemata al tuo Curriculum Vitae

Scrivere un Curriculum Vitae perfetto è fondamentale per trovare lavoro, anche perché parliamo di un vero e proprio biglietto da visita che parla di te. Un buon CV deve raccontare, in massimo due pagine, perché il selezionatore dovrebbe preferire te rispetto ad altri candidati, deve essere chiaro e accattivante.

Abbandona il CV europeo, a meno che non strettamente richiesto nella job description, e preferisci qualcosa di più creativo e che ti rispecchi.

Non dimenticare di inserire:

  • Dati anagrafici: nome, cognome, indirizzo, telefono, luogo di nascita, e-mail e sito web (se ne disponi);
  • Esperienze formative: studi compiuti in ordine cronologico, partendo dall’esperienza più recente ed andando a ritroso;
  • Esperienze professionali: lavoro attuale e precedenti, sempre in ordine cronologico decrescente, descrivendo la posizione coperta ed indicando obiettivi e responsabilità;
  • Lingue straniere: specificare sempre quali conosci e livello di padronanza;
  • Interessi extra-professionali: se hai fatto esperienze di volontariato o se hai l’hobby per la scrittura, per la fotografia o per altro, dedica una sezione agli interessi extra-professionali. I recruiter vogliono sapere chi è la persona che hanno davanti al di fuori delle otto ore lavorative;
  • Aspirazioni e progetti per il futuro: questa sezione può essere facoltativa, ma ti consigliamo di inserirla o nel CV o comunque nella lettera di presentazione.

 

3. Iscriviti a LinkedIn

Se ancora non lo hai fatto, il secondo step per cambiare lavoro è quello di iscriverti a LinkedIn.

LinkedIn è una vera e propria community professionale che, solo in Italia, conta circa 11 milioni di utenti ed oltre 150 mila aziende. Sul social network del lavoro potrai, per esempio, iniziare a seguire le aziende di tuo interesse, connetterti a professionisti che operano nel tuo settore (o in quello nel quale vorresti lavorare), iscriverti a gruppi tematici per far notare il tuo talento e molto altro.

Inoltre, altro aspetto da non sottovalutare, LinkedIn è un’importante vetrina sul mondo del lavoro: curando il tuo CV e le tue competenze, infatti, avrai la possibilità di farti notare dalle aziende. Non è raro che i recruiter cerchino direttamente sulla piattaforma, grazie ad appositi strumenti dedicati all’HR, potenziali talenti da inserire in azienda.

 

4. Segui uno o più corsi di formazione

Se hai deciso di cambiare lavoro per seguire una passione che coltivi da anni, quello che dovresti fare è di iscriverti ad un corso di formazione sulla materia.

La passione è una grande motivatrice, ma molto spesso non basta. Ci vogliono competenze tecniche che si possono acquisire solo rimettendosi a studiare.

 

5. Iscriviti ad una job board e comincia a cercare

Dopo aver capito che lavoro vuoi fare da grande, aver dato una sistemata al CV, esserti iscritto a LinkedIn ed aver seguito un corso di formazione, cosa resta da fare? Ovviamente iniziare a cercare lavoro!

Cambiare azienda non è semplice: devi avere pazienza e candidarti solo per gli annunci davvero in linea con le tue competenze. A tal proposito, all’interno del nostro portale Talent Manager abbiamo creato una sezione “ranking”. Nella pratica, in fase di iscrizione ti chiederemo di indicare alcuni dettagli su di te (es. il livello di competenza su una determinata materia, le aspirazioni ed altro) ed ogni giorno, accedendo alla tua area riservata, potrai vedere gli annunci su misura per il tuo talento.

 


Cambiare lavoro con Talent Manager è semplice

Altri articoli in Cercare lavoro

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *