Professioni

Cuoco a domicilio: save your kitchen

5 novembre 2018

Le situazioni sono due. Pranzo in famiglia, i vostri genitori vi fissano con uno sguardo che dice: “Tesoro lo so che non sei in grado, non importa”. Oppure cena a lume di candela con l’amore della vostra vita, che non aspettava altro per mettervi alla prova. Nessuno sa che avete un cuoco a domicilio di riserva, che vi può salvare.
Oggi, infatti, parliamo dello ‘chef a domicilio’.

I ristoranti costano tanto

La sana cucina ed i patti di una volta acquisiscono sempre più valore tra le mura domestiche. Essere un cuoco richiede passione e impegno. Può anche essere un’ancora di salvezza per noi comuni mortali. Non sappiamo cucinare ma vogliamo fare bella figura. Ultimamente, molti chef corrono in aiuto di noi poveri lettori di ricette amatoriali. Tanto da entrare fisicamente nelle nostre cucine, dando vita a una professione del tutto nuova.

Quindi chi sono precisamente e cosa vogliono da me?

Considerando che siete voi ad aver bisogno di loro, diciamo che i cuochi a domicilio sono persone con particolare talento nel settore, che cucinano direttamente a casa vostra, provvedendo a tutto. Mettendo a disposizione la propria abilità, creano piatti solitamente gustabili solo al ristorante.
In questo modo potrete stupire tutti senza spendere cifre da capogiro. Spesso, queste figure, hanno fatto dei corsi per approfondire dei menù a tema, o concentrandosi su un particolare stile di cucina (vegana, esotica, orientale ecc).

Potete dare un occhio qui per farvi un’idea: www.uomosenzatonno.com e www.uncuocoinaffitto.com.

Spesso questi cuochi a domicilio hanno un sito per promuoversi, giusto per ricordarvi che loro con tre ingredienti possono fare meraviglie e voi no. La professionalità anche in questo caso é tutto, ecco perché non dovrete stupirvi nel trovarvi uno di loro in cucina con tre ore di anticipo. Esaminare la postazione, controllare gli strumenti a disposizione e creare un kit ad hoc sono dei must del mestiere.
Abbandonate i sentimentalismi verso le vostre padelle e lasciate che questi cuochi tutto fare trasformino il vostro forno, abituato a “pollo con patate”, in un ristorante a tutti gli effetti. La scelta del menù avviene sempre insieme al cliente, che dovrà fornire dettagli come il numero degli ospiti e i vini desiderati. Pulizia della cucina e servizio al tavolo sono inclusi.

Ok fantastico, cosa deve saper fare un cuoco a domicilio?

Diciamo che saper cucinare è una dote leggermente essenziale, ma se avete talento e non siete dei cuochi professionisti potreste comunque farvi strada. Aver fatto delle scuole alberghiere sicuramente aiuta, ma è obbligatorio aver superato un corso di tre mesi sulle norme igienico-sanitarie ed essere iscritti alla camera di Commercio come liberi professionisti. Il resto sta alla vostra bravura.

Quanto ci guadagno circa?

Diciamo che il prezzo varia molto in base a cosa bolle in pentola e al costo delle materie prime procurate. Si va dai 50 ai 200 euro, dagli antipasti leggeri alle cene di Natale.
Questa professione piace e tutti. Escludendo la nonna che si offende perché nessuno ha chiesto il suo aiuto.  Forse i grandi cuochi francesi storceranno il naso al solo pensiero di dover lavorare in una cucina “normale”. E’ un modo per seguire le proprie vocazioni guadagnandoci qualcosa, salvando una bistecca che brucia in padella.

La comodità per il cliente è tutto, ecco perché avere un cuoco a domicilio a disposizione per tutta la sera funziona così bene.

Le persone amano il buon cibo

Perché non guadagnare qualcosa in più uscendo dalla classica ottica del ristorante? Farsi conoscere per la bontà delle proprie ricette: un sogno. Deliziare più persone possibili con i propri piatti è una sfida.
Quindi se siete cuochi in cerca di lavoro, iniziate a considerare di poter diventare i prossimi protagonisti di “cucine da incubo” Home Edition. Altrimenti limitatevi a guardare le facce dei vostri ospiti quando uno chef di tutto rispetto riempirà la sala da pranzo con squisite portate.
Scusa nonna, ho barato.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *