Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Professioni

I robot ci ruberanno il lavoro: i 10 mestieri che spariranno entro il 2022

13 febbraio 2019

Secondo una ricerca americana condotta da CareerCast sulla base dei dati del Bureau of Labor Statistics, entro il 2022 almeno una decina delle attuali professioni sparirà a causa del sopravvento della tecnologia.

Al 1° posto il postino. Droni, robot e in generale servizi digitali si occuperanno di recapitarci a casa pacchi e lettere.

Anche gli agricoltori pare che siano già in diminuzione a causa dei progressi tecnologici in agricoltura. C’è da dire, però, a questo proposito che in Italia sembra registrarsi una controtendenza, che vede molti giovani sotto i 30 anni spostarsi verso le campagne per uno stile di vita più salutare e lontano dallo stress cittadino.

Il lettore di contatori è un’altra professione che sarà presto svolta mediante rilevazioni elettroniche installando contatori in grado di leggere a distanza i dati di consumo e di inviare la bolletta direttamente via email.

Un altro mestiere in disuso è quello del giornalista nel senso tradizionale del termine. Con l’avvento degli smartphone e la diffusione dei social, chiunque può diventare un reporter in diretta. Questo già da alcuni anni ha comportato una crisi nel settore, risentita tra l’altro da un’altra categoria professionale, quella degli edicolanti.

Al 5° posto figurano gli agenti di viaggio. L’utilizzo sempre più massivo di internet ha comportato il fenomeno delle vacanze fai-da-te utilizzando risorse on-line e quindi sempre meno persone si rivolgono alle agenzie.

Il taglialegna occupa il 6° posto di questa classifica, visto che, come è facile immaginare, anche qui la tecnologia andrà sempre più a prevalere.

Un po’ a sorpresa, anche la figura della hostess di volo rischia di scomparire. La causa, in questo caso, è dovuta alle fusioni tra diverse compagnie aeree, oltre al fatto che i robot arriveranno molto probabilmente anche ad alta quota.

Anche per il mestiere che figura all’8° posto, l’operaio di fabbrica, la causa della sua progressiva scomparsa è da imputare ai macchinari sempre più tecnologici e sofisticati, in cui le aziende sono più propense ad investire considerati i risultati in termini di velocità e potenza.

Al penultimo gradino troviamo il tipografo, a riprova del fatto che il settore dell’editoria è in forte calo, come già detto per giornalisti ed edicolanti. La digitalizzazione ha comportato un forte calo della carta stampata, mentre le copie digitali aumenteranno sempre più.

L’esaminatore di tasse chiude la top ten dei mestieri più in disuso. Anche in questo caso è facile pensare che le verifiche potranno essere facilmente fatte da computer super efficienti.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *