Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Colloquio di lavoro

Il linguaggio del corpo al colloquio di lavoro

17 settembre 2018

Hai fatto un colloquio di lavoro perfetto, eri preparato e sicuro delle tue conoscenze ma non sei stato assunto? Cos’è andato storto?
Forse non hai fatto molto caso al linguaggio del corpo, a quello che dicevano di te le tue labbra, le tue mani o i tuoi piedi mentre declinavi le coniugazioni in latino al contrario mostrando la tua intelligenza. Forse avevi semplicemente paura e i tuoi pollici dentro le tasche o i piedi in direzione dell’uscita ti hanno tradito.
Non lasciare che il tuo linguaggio del corpo affondi il tuo colloquio di lavoro.

Ecco i consigli degli esperti su come lasciare che il tuo corpo faccia bella figura al posto tuo.

1. Fare un ottimo ingresso

Il colloquio inizia ancor prima di entrare, non puoi sapere chi c’è con te in ascensore, chi è quello che ha parcheggiato vicino a te o a chi hai chiuso la porta in faccia alle scale per nervosismo. Speriamo che non sia il tuo futuro datore di lavoro, ecco perché il tuo corpo dovrebbe dire a chiunque stia osservando che sei sicuro e calmo. Non è il momento di cercare freneticamente nella borsa il discorso che ti sei preparato.

2. Aspetta nel modo giusto

Mentre aspetti non ingobbire le spalle o infilare il mento nel petto, non fare il cammello esausto e stai dritto, con il petto aperto, questo ti farà sembrare sicuro e rilassato. Ovviamente non esagerare,  allungare le gambe o lanciare il braccio sullo schienale della sedia può farti sembrare troppo comodo, persino arrogante.

Assicurati di non avere un malloppo enorme di carte, la giacca, la borsa, gli occhiali, il deodorante, le chiavi di casa, il pranzo, il biglietto dell’autobus, la macchina e il cane sulle ginocchia quando ti chiamano. Alzati con grazia, senza lasciare cadere cose, assicurati di avere le mani libere per salutare chi ti verrò incontro.

3. Stringi, non rompere

Colloquio di lavoro significa stretta di mano, quindi quali sono i segreti della perfetta stretta di mano? Una stretta eccessivamente aggressiva può essere scoraggiante, non devi sembrare un granchio assatanato ma nemmeno un essere flaccido senza ossa, sii sicuro ma gentile, fai pratica con un tuo amico o con il cactus di casa per trovare il giusto equilibrio.
Darai la mano destra con il palmo leggermente sollevato in modo che la mano dell’intervistatore copra la tua. È un segno di rispetto per la posizione altrui.

4. Alzati e cammina

La passeggiata che ti farai dalla sedia della sala d’aspetto all’ufficio è fondamentale. Cammina dritto e segui chi hai davanti, stai dicendo “Sono il candidato di lavoro, e tu sei il rappresentante dell’azienda quindi ti seguo”. Dimostra che puoi adattarti facilmente all’ambiente camminando alla stessa velocità di quella persona. Stai dritto e cerca di non assomigliare ad Heidi mentre ti sbracci avanti e indietro. Non pensare nemmeno di fare gentilezze come aprire porte o chiamare gli ascensori, non sei il padrone di casa.

5. Al banco delle interviste

Quando entri metti le cose che non ti servono a terra accanto alla sedia, posiziona il tuo portfolio o Cv sul tavolo, non tenere nulla sulle gambe o sulla pancia, sembrerà che tu stai creando una barriera. Evita di sporgerti in avanti, lo sanno tutti che sei li, ti farà sembrare solo chiuso e insicuro.
Se mentre parli inizi a gesticolare devi sempre tenere le mani sopra la scrivania e sotto la clavicola. Cerca di sederti a circa un piede dal tavolo in modo che i tuoi gesti siano visibili.

Quando parli o ascolti chi hai davanti non mangiarti le labbra, non toccarti i capelli, non guardarti le mani, le dita devono stare ferme e non toccarsi tra loro, non muovere gli occhi alla velocità della luce e guada chi hai davanti, non fare espressioni strane se non capisci qualcosa e smettila di balbettare come una scimmia ansiosa. Devi sembrare sicuro di quello che dici e a tuo agio nel luogo in cui ti trovi.

Alla fine dell’intervista, raccogli i tuoi effetti personali con calma, sorridi ma stringere la mano a tutti nella stanza non è conveniente, basta farlo con la persona con cui hai parlato.
Se sei tentato di leggere il linguaggio del tuo interlocutore per avere dei segnali su come è andata l’intervista sappi che è inutile, hai davanti ninja addestrati a non far trasparire emozioni.

Non perdere la concentrazione e resta sempre calmo, abbi fede in te stesso e stai attento ai movimenti involontari che possono tradirti. Se qualcosa dovesse andare storto non preoccuparti, nessuno è autorizzato a picchiarti prima dell’assunzione.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (2 voti)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *