Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Curriculum

La lettera di presentazione, per distinguersi dagli altri candidati!

19 febbraio 2019

Ha ancora senso allegare la lettera di presentazione quando ci si candida per una posizione? Non è in definitiva una ripetizione di quanto già indicato nel Curriculum Vitae? Ma se per leggere un CV i selezionatori impiegano pochi secondi, avranno mai tempo di leggere anche le lettere di presentazione? Sono tutte domande lecite ma la risposta univoca è “sì!”.

La lettera di presentazione o Cover Letter è in pratica la nostra vetrina e come tale ha un’importanza fondamentale: in poche righe deve convincere il recruiter a prendere in mano anche il nostro CV.

E’ uno strumento che possiamo utilizzare a nostro favore per fare in modo di distinguerci dagli altri candidati.

La lettera di presentazione deve quindi avere determinate caratteristiche:

  1. Deve essere perfetta dal punto di vista grammaticale e ortografico: quindi rileggete ciò che avete scritto in modo da correggere eventuali errori. Non c’è niente di peggio di inviare una lettera di presentazione piena di errori di battitura o peggio ancora grammaticali: grida scarsa attenzione e scarsa affidabilità!
  2. Ciò detto, così come il CV, anche la lettera di presentazione deve essere adattata di volta in volta per spiegare bene il valore aggiunto che possiamo apportare a quella precisa azienda in quella precisa posizione. Vietato usare lettere standard!
  3. Dicevamo inoltre che la lettera di presentazione deve stuzzicare la curiosità del selezionatore: per spiegare bene perché noi potremmo fare la differenza se assunti è fondamentale quindi raccogliere più dettagli possibili sull’azienda e su quella posizione, studiare il sito web aziendale, curiosare nelle sue pagine social, cercare informazioni sui giornali e più in generale in rete.
  4. Per accattivarsi l’attenzione del recruiter ed evitare che si stufi di leggere e cestini la lettera (e il CV) ancora prima di aver terminato di leggerla è bene essere esaustivi ma concisi. Bisogna andare subito al punto in max 10-12 righe in cui spiegare le motivazioni che ti spingono a candidarti (cosa hai imparato da esperienze precedenti che potresti mettere in pratica, eventuali risultati ottenuti in ruoli passati, ecc.) senza esagerare con gli autoelogi ma mettendo in evidenza il valore aggiunto per l’azienda. Sì all’uso di grassetto e parole chiave!
  5. È essenziale ricordarsi che la lettera di presentazione non deve essere una parafrasi del CV ma è una sorta di biglietto da visita che deve invogliare a leggere poi il Curriculum, quindi piuttosto che riportare l’elenco delle nostre esperienze passate è bene concentrarsi su esempi concreti che possano dimostrare in maniera chiara e diretta le competenze acquisite.
  6. In quanto nostro biglietto da visita, è consigliabile utilizzare un linguaggio chiaro, semplice, non esageratamente formale ma sempre garbato.
  7. Non dimenticatevi, quindi, di ringraziare per l’attenzione e salutare alla fine del vostro scritto.
  8. Se non richiesto diversamente, la lettera di presentazione va scritta direttamente nel testo della mail con cui inviate il vostro Curriculum: avrà più chance di essere letta.

La lettera di presentazione è strutturata in 4 parti

  • Intestazione, nella quale inserire i propri dati personali e il nome della persona a cui si rivolge la lettera (se non è possibile, rivolgetevi alla Direzione delle Risorse Umane in generale.
  • Introduzione, nella quale fare riferimento alla posizione per la quale ci si candida e accennare alle esperienze di lavoro o di formazione che ci rendono il candidato ideale per quella posizione.
  • Corpo, ovvero la parte più importante e più corposa della lettera, nella quale spiegare un po’ più nel dettaglio perché pensiamo di essere la persona adatta a quel ruolo.
  • Conclusione, nella quale ringraziare e rendersi disponibili per un eventuale colloquio.

Un ultimo consiglio

Conservate le lettere di presentazione che inviate. Poichè i processi di selezione a volte sono più lunghi del previsto, nel caso in cui un colloquio vada a buon fine potrete sempre andare a rileggere come vi eravate presentati all’azienda!

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *