Curriculum

Scrivere il curriculum in inglese. Esempi e errori da evitare

8 ottobre 2018

Sappiamo che dire agli amici Vado a lavorare all’estero ti fa sentire tanto importante, ma dillo che la verità è che hai il terrore del CV in inglese. Scrivere un curriculum è già una questione delicata, farlo in una lingua straniera non è facile per nessuno.

Prima di tutto mettetevi in testa una cosa:

  • il modello europeo (Europass) NON esiste nel Regno Unito;
  • proporsi con un CV che non rispecchi i parametri inglesi significa autoescludersi da ogni possibilità.

Avere un CV corretto in inglese è un vero e proprio passaporto nel mondo del lavoro all’estero, la prima cosa che non devi assolutamente fare è una traduzione con google del tuo Cv in italiano. Ci sono molti modi di dire, molte espressioni e molti slang che il computer non conosce e rischi di fare una brutta figura.

Com è fatto un Cv inglese?

Il curriculum inglese è strutturalmente molto diverso da quello italiano, per esempio non è cosa comune mettere la propria foto, se non è richiesta e se la mettete lo stesso avete l’80% di possibilità di non essere chiamati, come tutte le info che riguardano età, sesso, stato di famiglia, orientamento sessuale ecc. Il curriculum inglese ha pochissime pagine, chiare e veloci, il tempo medio dedicato al tuo CV è di soli 7 secondi te lo dico.

Come iniziare?

Intanto prendi un vocabolario o ripassa i verbi irregolari scritti dietro la copertina del libro di inglese delle superiori. Anche quando l’esperienza e i vostri titoli di studio parlano da soli, una presentazione scadente o una traduzione impropria possono far scartare la vostra domanda. Il livello d’inglese con il quale scrivete sarà rappresentativo della vostra conoscenza della lingua.

È importante che tu tenga bene a mente questi consigli:

  • usa le forme attive invece di quelle passive e i phrasal verbs dove possibile ;
  • distingui tra Abilities (ovvero capacità e talenti naturali o acquisiti), Achievements (traguardi personali) e Responsibilities (funzioni tipiche del ruolo ricoperto);
  • ricordati di inserire la nazionalità di provenienza;
  • cerca di essere chiaro e sintetico, non usare troppa punteggiatura, preferisci frasi corte ma d’effetto;
  • non aver paura di metter in risalto i tuoi punti di forza e di parlare dei tuoi successi,  soprattutto all’inizio del CV, dove i recruiter si concentrano di più. Scrivere solo il Job Title non è sufficiente;
  • non usate un CV copiando esempi online, i recruiters li conoscono a memoria;
  • non giocate a battaglia navale quando indicate il vostro livello di inglese, B2, C1 ecc per un inglese non vogliono dire niente. O parlate inglese o non parlate inglese;
  • non usate lo spelling americano, come “I’m” al posto che “I am”, nel Regno Unito non lo tollerano e fate attenzione agli spelling delle parole, nel caso in cui il Cv venisse analizzato da dei software, verrà scartato se ci saranno errori.

Ma c’è un solo tipo di Cv in inglese?

Ci sono principalmente tre tipi di curriculum.

  • Chronological CV: questo modello prevede di mettere in ordine cronologico le tue esperienze formative e professionali, partendo dalle più recenti, usato dai professionisti per mettere in evidenza le mansioni svolte recentemente.
  • Skill-based CV: per mettere in evidenza le tue capacità e competenze.
  • Qualification-style CV: usato soprattutto dai neolaureati, elenca le esperienze lavorative dopo la formazione che avrà un ruolo meno importante.

È comunque importante personalizzare il Cv in inglese, in base all’azienda per la quale ci si presenta e in base ai propri obbiettivi professionali.

Espressioni da non usare mai

  • Stage: in inglese si dice work placement o internship.
  • Education and formation: non si dice. Il termine formation si riferisce solo allo sviluppo di cose non di persone.
  • Il liceo non é il lyceum.
  • La maturitá non é il maturity exam.
  • La patente non é una patent.
  • Il reparto non é il repart.
  • Il servizio di leva non é il service of levy.

Ecco invece alcune espressioni che potrebbero esserti utili

  • Strategic thinker: persona capace di pensare in maniera strategica.
  • Strong creative flair: grande capacità creativa.
  • Business acumen: mentalità portata agli affari.
  • Successful consultant: consulente di successo.
  • Confident manager: manager sicuro di sé.
  • Ability to decipher problems: capacità di analizzare/risolvere i problemi.
  • Ability to clearly define appropriate solutions: capacità di definire in modo chiaro soluzioni appropriate.
  • Natural leader: dotato di un senso di leadership naturale.
  • Team player: capace di lavorare in team/gruppo.
  • High interpersonal skills: Bbrillante nei rapporti interpersonali.
  • References on request: referenze su richiesta.We look forward to hearing from you soon.
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *