Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Volontariato

Servizio civile all’estero

A volte capita che le università mandino e-mail misteriose, dove parlano di servizio civile all’estero e di possibilità di tirocinio retribuito lavorando per il comune. Detta così sembra una cosa super noiosa, di quelle che si evitano accuratamente.

Quello che non si dice però, è che il servizio civile è un’opportunità da non perdere, soprattutto perché è possibile farlo all’estero.

Cos’è il Servizio civile?

Citando il sito ufficiale: “ Il servizio civile nazionale è un’esperienza aperta ai giovani per un anno di impegno, nel servizio e nella formazione, aderendo a un progetto proposto da un ente, in Italia o all’estero, scelto nei campi dei servizi a persone in situazioni di disagio, dell’educazione, dell’ambiente, storico-artistico, culturale e della protezione civile.”

In pratica, lavorate e siete pagati dallo stato per un anno e avete la possibilità di andare anche all’estero.

Approfondiamo la questione “Servizio civile all’estero”

Lo svolgimento del Servizio Civile all’estero offre un’occasione unica di crescita e arricchimento personale e professionale.

I bandi di SCN all’estero – che vengono valutati dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile – hanno cadenza annuale e normalmente escono insieme a quelli per l’Italia.

Ogni singolo progetto viene realizzato in collaborazione con un ente d’accoglienza e un paese straniero. Tra quelli coinvolti ve ne sono sia di europei che di extra-europei: negli anni sono stati realizzati progetti in tutti i continenti.

I progetti all’estero

Il servizio all’estero dura 12 mesi, la permanenza all’estero deve essere di almeno 7 mesi. Sarà richiesta la conoscenza della lingua inglese e sarà necessario specificare il vostro titolo di studi, al fine di garantire che il progetto che avete scelto rientri nelle vostre competenze.

I settori che potrete scegliere sono:

–  commercio estero e cooperazione internazionale,

  • interventi peacekeeping e ricostruzione post conflitto,
  • interventi a seguito di calamità naturali,
  • sostegno comunità di italiani all’estero,
  • assistenza e protezione civile,
  • ambiente,
  • patrimonio artistico e culturale,
  • educazione e promozione culturale
  • eventuali altri ambiti indicati nella scheda progettuale.

E se non lo so fare?

Niente paura, la prima fase di servizio coincide con un periodo di formazione che dura un mese e si svolge in Italia. Si parte da un’infarinatura generale proseguendo con insegnamenti più specifici, ovviamente diversi per ciascun progetto.

Ok, mi hai convinto: come mi candido?

Appena escono i bandi di SCN presentate la vostra domanda di partecipazione, direttamente all’Ente secondo i tempi e le modalità previste dal bando. Troverete tutti i documenti sul sito ufficiale. Mi raccomando siate puntuali, c’è molta concorrenza!

Quanto mi pagano?

Facciamo finta che non vi interessi perché l’importante è aiutare il prossimo. A titolo puramente informativo: per i volontari impegnati nella realizzazione di progetti all’estero, in aggiunta all’assegno mensile di 433,80 euro spettanti ai volontari in servizio civile in Italia, è prevista una indennità giornaliera, che cambierà in base al costo della vita del paese in cui state. Ovviamente vi verrano dati vitto e alloggio e vi verranno rimborsati i costi di trasporto di andata e ritorno dall’Italia.

La misura dell’indennità estera giornaliera è di circa:

  • 15,00 euro per i progetti da realizzarsi in Europa, Nord America e Giappone;
  • 14,00 euro per i progetti da realizzarsi in Russia, Paesi dell’Europa dell’Est, India, Cina, Australia;
  • 13,00 euro per i progetti da realizzarsi in Africa, Sud-est asiatico,Centro e Sud America.

Sembra un sogno: è tutto vero.

C’è molta richiesta quindi giocatevi le vostre carte migliori. Per l’estero i paesi più gettonati sono l’Africa e l’America ma in ogni posto potrete vivere un’esperienza fantastica. Non stare qui a fare tirocini non retribuiti, a lavorare a gratis per cose che non vi interessano: zaino in spalla!!

Altri articoli in Volontariato

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *