Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Professioni

Talent Acquisition Manager: che competenze deve avere?

15 febbraio 2019

Un Talent Acquisition Manager, lo dice la parola, è un vero e proprio talent scout, uno scopritore di talenti. È un manager HR chiamato ad una sfida particolare, ovvero quella di individuare, attrarre, convocare, intervistare e reclutare candidati particolarmente talentuosi idonei a ricoprire posizioni con un skillset molto specifico.

Quali soft skill deve avere un Talent Acquisition Manager?

Capacità di comunicazione e ascolto

Chi svolge questo lavoro deve adattare la propria comunicazione alla situazione e comunicare efficacemente che si tratti di candidati, responsabili delle assunzioni o più in generale del Servizio Risorse Umane.

Deve essere capace di ascoltare e di modulare i messaggi in base ai diversi candidati. Deve essere in grado di fornire le informazioni necessarie, costruire ottime relazioni all’interno dell’azienda ed essere allineato ai suoi bisogni.

Self-leadership

Un bravo Talent Acquisition Manager è sempre super impegnato a svolgere le attività che apporteranno maggiore valore all’azienda. Bisogna quindi essere capaci di darsi le giuste priorità e di gestire bene il proprio tempo.

Curiosità

Meglio si conosce la propria azienda e il suo business e meglio sarà per il Talent Acquisition Manager che riuscirà con più facilità a individuare i candidati giusti e a capire quali informazioni riportare ai vari stakeholder. Ancora più importante: se il Talent Acquisition Manager non capisce la propria società e non sa dove sta andando, rimarrà sempre un passo indietro.

Esperienza

Un grande Talent Acquisition Manager conosce tutti gli aspetti della strategia di talent acquisition della propria azienda e li sa riportare agli stakeholder. In qualsiasi momento deve essere in grado di agire da esperto del talento e come tale istruire e consigliare in tema di talent acquisition tutte le persone coinvolte all’interno dell’azienda.

Capacità analitiche e storytelling

Direttamente collegato al punto precedente, un buon Talent Acquisition Manager capisce i dati e li utilizza per individuare le soluzioni migliori per attuare il cambiamento. Essere abili nello storytelling permette di spiegare bene la strategia a tutti gli interessati, che saranno così messi in grado di padroneggiarne i dettagli e spiegarli a loro volta ad altri.

Spirito collaborativo

La strategia di talent acquisition deve essere allineata con il lavoro dell’intero dipartimento HR. È quindi fondamentale conoscere il ruolo di tutti, in modo da evitare errori, come ad esempio fare una promessa che va contro le politiche aziendali.

Il team al primo posto

Last but not least… anzi, first! La squadra è fondamentale: non basta scegliere i candidati migliori, è essenziale saperli mettere insieme e farli giocare bene affinchè il team dia il massimo!

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *